L’antica “Vigna della Regina” di Torino dove nasce l’unico vino urbano DOC del mondo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 5,00 su 5)
L’antica “Vigna della Regina” di Torino dove nasce l’unico vino urbano DOC del mondo

Non tutti i torinesi sanno che sulla collina della città, nella magnifica residenza sabauda di Villa della Regina, si trova un vigneto cittadino da cui si ricava il vino Freisa di Chieri DOC Superiore. Torino, come le città di Parigi e Vienna, possiede un vigneto urbano dal quale si produce il pregiato vino, ma il capoluogo piemontese, al contrario delle altre due città europee, è l’unico a poter vantare per questo vino di città la Denominazione di Origine Controllata.

 

La lunga attività di recupero della magnifica Villa della Regina è terminata nel 2003 con il reimpianto dell’antico Vigneto Reale. Difatti dal XV secolo fino alla fine dell’800 la collina torinese viene descritta come una zona ad alberi, vigneti e prati entro cui, a distanze regolari, nascono le case che vengono appunto dette vigne. La “vigna” come costruzione prevedeva la villa padronale, un edificio rustico spesso adibito a tinaggio, una cappella, il giardino e la parte adibita alle coltivazioni.

 

Il grande appezzamento di vigneto popolato da piante fruttifere, che si estende sul lato nord di della Villa della Regina di Torino, fu creato come parte agricola integrante di questa Vigna appunto, voluta ed ideata dal Principe Maurizio di Savoia all’inizio del XVII secolo. Successivamente, Ludovica di Savoia, moglie del principe, si occupò a fronte di considerevoli somme, dell’ampliamento della vigna dove furono piantanti altri alberi da frutta e viti.

 

Nei due secoli successivi l’interesse per questo nuovo modo di “vivere in Villa” si mantenne inalterato fino alla chiusura poi dell’Istituto Nazionale per le Figlie dei Militari, proprietario della Villa dal 1867, quando il versante destinato a vigneto e l’intero giardino furono invasi da piante infestanti che provocarono la scomparsa del vigneto dalla collina di Torino.

 

Tra il 2003 ed il 2006 grazie ai lavori di recupero e reimpianto fatti dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici per le province di Torino, Asti, Cuneo, Biella e Vercelli, il vigneto della regina è rinato ed è stato affidato al all’Azienda Balbiano che oggi produce il Vino della Regina. La primissima vendemmia è avvenuta nel 2008 anche se la prima vendemmia effettiva è dell’anno successivo con i 40 quintali di uve sane e mature che hanno dato origine alle prime storiche bottiglie della “Vigna della Regina”. Dal 2014 inoltre, la vigna della regina è gemellata con il “Clos Montmartre”, il vigneto urbano di Parigi.

 

Ogni anno vengono prodotte pochissime bottiglie di Freisa di Chieri “Vigna Villa della Regina” tutte numerate ed alcune disponibili nelle versioni Magnum (1,5L) e Jeroboam (3L). Il vino prodotto nell’antica residenza sabauda è di un colore rosso rubino con tonalità porpora ed un profumo fruttato di lampone e ciliegia.

 

Oltre al vino sono disponibili altri prodotti come i cioccolatini aromatizzati al Freisa, la grappa distillata dalle vinacce selezionate di Vigna della Regina e le pastiglie Leone al vino. Tutti questi prodotti sono disponibili nel negozio che si trova all’interno della Villa della Regina.

 

La vigna di Torino ed il suo vino dai natali reali sono una piccola curiosità torinese tutta da scoprire che fa parte della storia del capoluogo piemontese da oltre 400 anni.

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< luglio 2017 >>
lmmgvsd
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X