Lo Storico Carnevale di Ivrea e la Battaglia delle Arance

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 4,25 su 5)

Lo Storico Carnevale di Ivrea è una vera e propria istituzione. Nato nella città piemontese dalle feste rionali medievali, continua tutt’oggi in maniera costante, attirando ogni anno turisti perché è unica nel suo genere. Grazie all’unificazione delle feste rionali, imposta nel 1808 per motivi di ordine pubblico dalle autorità napoleoniche che governavano la città, si è arrivati allo Storico Carnevale di Ivrea così come lo conosciamo oggi.

 

Il Carnevale di Ivrea dura più di tre giorni. Inizia il 6 gennaio, giorno in cui viene presentato il “Generale” (simbolo dell’autorità municipale che gestisce la festa) e in cui un corteo si reca alla Cappella dei Tre Re sul Monte per l’offerta dei ceri al Vescovo. Nelle due domeniche precedenti la festa vera e propria, poi, ci sono cerimonie e cortei.

 

Con questa Festa Civica, la comunità celebra la propria liberazione dalla tirannide. L’episodio da cui trae origine risale al medioevo ed è la rivolta cui diede vita una giovane mugnaia, neo sposa, che rifiutò di sottostare allo jus primae noctis e decapitò il tiranno, scatenando la ribellione popolare che portò alla distruzione del castello (mai più ricostruito) e alla nascita del libero Comune. La famosissima Battaglia delle Arance rievoca proprio questa rivolta: il popolo è rappresentato da squadre di aranceri a piedi (circa 4000) che combattono contro i soldati del tiranno posti su 50 carri trainati da cavalli. Le loro armi sono appunto le arance. Le squadre sono nove: Picche, Morte, Tuchini, Scacchi, Arduini, Pantere, Diavoli, Mercenari e Credendari.

 

C’è un rigido cerimoniale folcloristico durante le giornate di festa: l’obbligo per i partecipanti di indossare un berretto rosso (sia per ricordare i rivoluzionari francesi sia per non diventare bersaglio delle arance), la sfilata del corteo storico la sera del giovedì grasso, i festeggiamenti del venerdì, la presentazione dal balcone del Municipio della Mugnaia e i fuochi artificiali il sabato grasso e, naturalmente, la Battaglia delle Arance la domenica. Tutti i partecipanti –uomini, donne e bambini– qualunque sia il loro ruolo, indossano divise che rievocano alla perfezione i periodi storici ai quali la festa fa riferimento. Ovviamente, non può mancare la musica. A occuparsene è la Banda dei Pifferi e Tamburi che marcia in testa ai cortei.

 

Il momento più noto e spettacolare resta, però, la Battaglia delle Arance. Si svolge nelle principali piazze di Ivrea tra i carri che seguono il corteo e le squadre a piedi. Una commissione premia le squadre di aranceri che si sono distinte per coraggio, tecnica di lancio e lealtà. I turisti che assistono alla battaglia sono in teoria protetti dai colpi di arance da alte reti metalliche.

 

Tutti gli aranceri condividono regole cavalleresche non scritte: c’è lealtà, rispetto, sportività. La loro è una manifestazione pacifica e, anche se a volte qualcuno si fa male, alla fine tutto si conclude con una stretta di mano.

 

Per le sue origini e il suo significato, per la sua complessità e bellezza folcloristica e per la storia che rievoca, il Carnevale di Ivrea resta un grande patrimonio culturale mondiale.

 

Per saperne di più sull’edizione di quest’anno: Carnevale di Ivrea 2016
 

Informazioni Pratiche

 

Come arrivare ad Ivrea da Torino:
Autostrada A5 Torino-Aosta uscita casello di Ivrea

 
Per ulteriori informazioni potete consultare il sito dello Storico Carnevale di Ivrea.

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< dicembre 2016 >>
lmmgvsd
28 29 30 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1

Eventi a Torino

Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X