Il Museo Egizio di Torino: alla scoperta della storia e dei misteri di un’antica civiltà

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 23 . Media: 4,04 su 5)
Il Museo Egizio di Torino: alla scoperta della storia e dei misteri di un’antica civiltà

Nel 1824 il re Carlo Felice di Savoia fondò il Museo delle Antichità Egizie di Torino, meglio noto come Museo Egizio, acquisendo una collezione di ben 5.628 reperti riuniti da Bernardino Drovetti, console di Francia durante l’occupazione in Egitto.

 

Re Carlo Felice riunì la collezione di Drovetti con altre collezioni tra cui quella di Donati e con altre antichità possedute da Casa Savoia, dando cosi vita al primo Museo Egizio del mondo.

 

Alla collezione del Museo si sono poi aggiungti altri ritrovamenti effettuati tra il 1900 ed il 1935 dalla Missione Archeologica Italiana e portati in Italia. All’epoca di questi ritrovamenti i reperti archeologici ritrovati da varie spedizioni straniere venivano ripartiti tra il paese di origine della spedizione e l’Egitto. Oggi le cose sono diverse, i reperti ritrovati rimangono in Egitto.

 

Il Museo Egizio di Torino ha oggi sede nel Palazzo dell’Accademia delle Scienze, l’imponente edificio seicentesco la cui costruzione iniziò nel 1679 ad opera dell’architetto Michelangelo Garove sul progetto originario di Guarino Guarini.

 

Oggi nel Museo sono esposti circa 6.500 reperti archeologici, ma oltre 26.000 sono depositati nei magazzini. I reperti coprono un periodo che va dal paleolitico fino all’epoca copta, vale a dire l’epoca dei cristiani egiziani nativi.

 

Del museo fanno parte numerose statue, sarcofaghi e corredi funerari, mummie, papiri, amuleti, gioielli. Tra gli oggetti esposti spiccano per la loro importanza:

 

– il Tempio Rupestre di Ellesija, fatto costruire dal Faraone Thutmose III e donato dall’Egitto all’Italia dopo che nel 1965 il Museo Egizio di Torino lo salvò dal pericolo di essere sommerso del lago Nasser. Lo Stato Italiano donò quindi poi il Tempio allo museo.
– le statue delle dee Iside e Sekhmet e quella di Ramesse II,
– il Papiro delle miniere d’oro, la mappa delle miniere della zona nel nord-est del Sudan, sede dell’antico insediamento urbano di Berenice Pancrisia
la tomba intatta di Kha e Merit, risalente alla XVIII dinastia in cui furono sepolti l’architetto Kha e sua moglie Merit con il corredo funerario e che fu ritrovata dall’egittologo italiano Ernesto Schiapparelli
i rilievi di Djoser, faraone della III dinastia Egiziana

 

Il Museo delle Antichità Egizie di Torino, è considerato, per il valore dei suoi reperti, il più importante Museo egizio del mondo dopo quello de Il Cairo. Vale dunque la pena visitarlo per ammirare le testimonianze di una delle più grandi civiltà della storia dell’uomo.

 

Informazioni Pratiche

 

Indirizzo:
Via Accademia delle Scienze, 6, 10123 Torino

 

Orari:
Lunedì: dalle 9.00 alle 14.00
Dal martedi alla domenica, dalle 9.00 alle 18.30

 

Tariffe :
Biglietto intero: 13 €
Biglietto ridotto: 9 € (ragazzi dai 15 a 18 anni e giornalisti con tessera valida)

 

Visita Guidata e biglietto prioritario:

Per risparmiare tempo e approfittare di una guida esperta per conoscere i segreti ed i misteri di questo straordinario museo potete prenotare una visita guidata con accesso prioritario al Museo Egizio. La guida è disponibile in spagnolo, inglese ed italiano ovviamente.

 

Per ulteriori informazioni sulle riduzioni: Museo Egizio di Torino: orari, giorni di apertura, prezzi e riduzioni.

 

Orari e tariffe potrebbero subire variazioni durante l’anno. Per maggiori informazioni sulle visite guidate e le varie attività proposte potete consultare il sito ufficiale del Museo Egizio di Torino.

 

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< agosto 2017 >>
lmmgvsd
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Eventi a Torino

Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X