Palazzo Barolo: la bella dimora nobiliare torinese

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 4 . Media: 4,50 su 5)

Palazzo Barolo, situato nel centro di Torino, è una delle dimore patrizie più belle del barocco torinese che possiamo ammirare ancora oggi nel capoluogo piemontese. La costruzione di questo edificio risale al 1600. Verso la fine del secolo poi, il conte Ottavio Provana di Druent, membro di una delle più importanti famiglie nobili legate alla famiglia reale dei Savoia, ne affida l’ampliamento e la ristrutturazione all’architetto Gian Francesco Baroncelli.

 

Il Palazzo, dopo l’apliamento, divenne la dimora di Elena Matilde, figlia unica del Conte Ottavio, e del marito il Marchese Gabriele Falletti di Barolo. La storia ebbe però un triste epilogo con il suicidio della contessa Elena Matilde, dopo che il marito l’aveva lasciata in seguito al rifiuto di suo padre di dare alla ragazza la ricca dote che era stata promessa. La contessa si suicidò, buttandosi dalla finestra dei suoi appartamenti, a soli 26 anni.

 

Il palazzo passò in seguito al figlio primogenito della contessa, Ottavio Giuseppe. Agli inizi del ‘700, il Conte affidò la ristrutturazione all’architetto Benedetto Alfieri, affinché adattasse l’edificio al gusto rococò dell’epoca. L’ultima proprietaria dell’edificio fu Giulia Barolo, discendente della famiglia con la quale si estinse la casata. La contessa Barolo lasciò il palazzo in eredità all’Opera Pia Barolo, fondata da lei stessa nel 1864, come associazione caritatevole e di impegno sociale e culturale. La contessa si distinse all’epoca per la sua attenzione all’istruzione dei più deboli e poveri e per l’amore per l’arte e la cultura. Silvio Pellico, dopo la pubblicazione de Le mie prigioni, soggiornò per molti anni a Palazzo Barolo (dove è possibile vedere anche la sua camera) e aiutò la contessa Barolo insegnando nelle scuole che quest’ultima aveva fondato.

 

Oggi, questo splendido palazzo è aperto al pubblico e può essere visitato per vedere tutto il suo splendore. È, inoltre, sede di mostre ed eventi culturali e del Museo della Scuola e del Libro per l’Infanzia. Il palazzo è davvero un piccolo gioiello barocco nel cuore di Torino con la sua bellissima facciata, lo scalone a forbice e l’atrio (realizzati tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700 su progetto dell’architetto Gian Francesco Baroncelli) e gli splendidi interni con le decorazioni rococò progettate dall’architetto Benedetto Alfieri. E poi da vedere gli appartamenti storici con gli stucchi di Pietro Somasso, le tele di Francesco Trevisani e gli affreschi dei Legnani che arricchiscono una delle più belle dimore nobiliari seicentesche di Torino.

 

 

Visitare Palazzo Barolo oggi è come fare un viaggio nel tempo e attraversare diverse epoche storiche assaporandone la bellezza dell’arte, dell’architettura e dello stile. Torino è piena di piccoli gioielli nascosti che vale davvero la pena scoprire e Palazzo Barolo è sicuramente uno di questi.

 

Informazioni Pratiche

 

Indirizzo:

Via delle Orfane, 7 – 10122 Torino

 

Orari:

Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.30
Sabato dalle 15.00 alle 17.30
Domenica, dalle 15.00 alle 18.30
Chiuso il lunedì

 

Tariffe:

Biglietto Intero: 4,00 €
Biglietto Ridotto: 2,50 € (per i possessori della Torino+Piemonte Card, per i minori di 18 anni, gli over 65 anni)
Gratuito per i disabili e un accompagnatore, i minori di 10 anni e i possessori dell’Abbonamento Musei Torino Piemonte
 
Per ulteriori informazioni sugli eventi e le visite potete consultare il sito del Palazzo Barolo di Torino.

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< marzo 2017 >>
lmmgvsd
27 28 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Eventi a Torino

Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X