Il Castello Ducale di Aglié, sette secoli di storia e di bellezza

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 33 . Media: 3,97 su 5)
Il Castello Ducale di Aglié, sette secoli di storia e di bellezza

Non lontano da Torino, a poco più di 30 chilometri, si trova il Castello Ducale di Aglié. La dimora, situata nell’omonimo comune, fa parte delle Residenze Sabaude del Piemonte. Si tratta di un edificio dallo stile architettonico abbastanza particolare in quanto somma di diversi stili che si sono succeduti nel corso dei secoli. La storia del Castello di Aglié ha infatti avuto inizio nel medioevo, a cui risale il primo nucleo della costruzione.

 

Nel corso del ‘600 il Castello fu di proprietà di Filippo San Martino, consigliere di Cristina di Francia, il quale commissionò all’architetto Amedeo di Castellamonte diverse modifiche e aggiunte nella tenuta. Tra queste ci sono il rifacimento della facciata sul giardino, la costruzione di due gallerie e il cortile del palazzo.

 

Castello di Agliè
© Wire Dog / Shutterstock.com

 

I Savoia acquistarono il castello nella seconda metà del ‘700 facendolo diventare tenuta reale. Commissionarono altre aggiunte e modifiche alla residenza, che vide in questi anni la costruzione degli appartamenti e della chiesa, collegata al palazzo attraverso una galleria a due piani.

 

Nel corso dell’800, dopo gli anni della dominazione napoleonica in cui il castello divenne un ricovero, la tenuta tornò nelle mani dei Savoia. Sotto il regno di Carlo Felice, il Castello di Aglié, subì una ristrutturazione importante degli arredi interni. Sempre nell’800 vennero poi costruiti il laghetto, il grande lago e le isole che cambiarono notevolmente l’aspetto esterno del palazzo.

 

Castello di Agliè

 

Il Castello di Aglié, venduto allo Stato Italiano nel 1939 dal Duca Tommaso di Savoia-Genova, è oggi aperto al pubblico e visitabile nei suoi spazi interni ed esterni.

 

Il Castello Ducale di Aglié, con le sue bellezze architettoniche, gli arredamenti originali, i numerosi quadri, gli affreschi, i reperti archeologici e con gli splendidi giardini pieni di alberi secolari e serre, testimonia oltre 7 secoli di storia d’Italia e d’Europa. È un gioiello assolutamente da non perdere nei dintorni di Torino.

 
Castello di Agliè
 

Una piccola curiosità: il castello di Aglié, per il suo fascino romantico e la sua bellezza d’altri tempi, è stato scelto come set di alcune serie televisive come Elisa di Rivombrosa, La Bella e la Bestia e Maria José.

 

Castello di Agliè giardino
© s74 / Shutterstock.com

 

Informazioni pratiche

 

Indirizzo:
Piazza Castello, 1 – 10011 Agliè (Torino)

 

Orari Castello:
sabato e domenica dalle 9.00 alle 12.00 (ultimo ingresso 12.00) e dalle 14.00 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.00)
dal 23 maggio 2021 ogni domenica orario continuato dalle 9.00 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.00)
da lunedì a venerdì chiuso
*Orari soggetti a variazione. Prenotazione obbligatoria per le visite al Castello.

 

Orari Giardini e Parco
sabato e domenica dalle 9.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.00)
da lunedì a venerdì chiuso
*Orari soggetti a variazione. Prenotazione non necessaria.

 

Tariffe:

 
Castello da 1 a 2 percorsi di visita 8,00 Euro; da 3 a 5 percorsi di visita 12,00 Euro
Giardino 3,00 Euro
Parco+Giardino 5,00 Euro
Castello (da 1 a 2 percorsi)+Parco+Giardino 12,00 Euro
Castello (da 3 a 5 percorsi)+Parco+Giardino 15,00 Euro
Ridotto 2,00 Euro per i ragazzi dai 18 ai 25 anni

 

Gratuito per i minori di 18 anni e i titolari dell’Abbonamento Musei e Torino+Piemonte Card e altre categorie.

 

Attenzione: i giorni e gli orari possono variare a seconda della stagione, per questo vi consigliamo, prima di programmare la visita al Castello di Aglié, di consultare il sito ufficiale oppure telefonare al numero 0124 330102.

 

Come raggiungere il Castello Ducale di Aglié da Torino:

 

Prendete la Tangenziale Torino Nord, poi la superstrada per Caselle, prendete poi l’Uscita 3 (Rivarolo – Gran Paradiso), poi la S.S. 460 fino a Feletto e da lì seguite le indicazioni per Aglié.

 

Segui Guida Torino su Instaram
Segui Guida Torino su Facebook
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Scrivici: ContattiPubblicità

X