Visitare Asti in un giorno: le 12 cose da fare, vedere e mangiare

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 2 . Media: 5,00 su 5)
Visitare Asti in un giorno: le 12 cose da fare, vedere e mangiare

Asti è sicuramente tra le città piemontesi più note e non solo per il celebre Palio cittadino, rivisitazione storica che si tiene ogni anno per le strade del centro. Asti è conosciuta per la sua architettura medievale, per le sue torri e per essere la patria dello Spumante e del pregiato vino Barbera e per la sua eccezionale e variegata proposta gastronomica. Piccola perla del Monferrato, Asti è perfetta per una visita in giornata da Torino oppure per un week-end in questa caratteristica zona del Piemonte.

 

Dunque, se state cercando una meta per uno dei prossimi viaggi nelle bellissime terre del Piemonte, non perdete la nostra selezione delle cose da fare, vedere e mangiare nella bella Asti.

 

Visitare Asti in un giorno: le 12 cose da fare, vedere e mangiare

 

Palazzo Alfieri

Palazzo Alfieri Asti
Un edificio dallo stile barocco che passò alla famiglia Alfieri verso la fine del 1600 e dove visse il poeta Vittorio Alfieri. Ristrutturato agli inizi del ‘900 per diventare un Museo, è oggi visitabile. Dai giardini alle stanze della villa si può ripercorrere la vita del famoso drammaturgo. Il Palazzo ha una facciata imponente, nell’atrio centrale si trova uno scalone che conduce ai piani superiori, dove è presente il piano nobile, comprendente gli alloggi e la camera natale di Alfieri. Riaperto nel 2016, dove una ventennale chiusura, si può ammirare in tutta la sua bellezza ed è consigliata una visita guidata. Sono presenti arredi originali, incisioni, litografie, costumi e documenti teatrali delle opere dell’artista, ma anche vari dipinti pregiati e famosi, come il “Ritratto della Contessa d’Albany”, copia di Edouard Marsal dall’originale di Fabre del 1796 che fu esposto al Salon di Parigi nel 1827.

 

Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 375, 14100 Asti
Sito internet

 

Palazzo Mazzetti

Palazzo Mazzetti Asti
Edificio in stile barocco, Palazzo Mazzetti è attualmente sede della Pinacoteca di Asti e del Museo Civico. Situato nel cuore della città, dal 2001 è di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, e dopo diversi lavori di restauro, è stato riaperto nel 2011 al pubblico. All’interno si può visitare il piano delle cantine, l’esposizione archeologica permanente “Souvenir m’en doit“, il piano nobile e il secondo piano, dove si trova la Pinacoteca. Al suo interno trovano posto anche collezioni di monete antiche, dipinti storici, tessuti antichi oltre a varie opere di diverse epoche.

 

Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 357, 14100 Asti
Sito internet

 

Palazzo Ottolenghi

Palazzo Ottolenghi Asti
Situato in corso Alfieri è forse uno dei palazzi storici più belli della città e che custodisce tutt’oggi il suo fascino antico. L’intero complesso architettonico è vincolato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali per il Turismo. Acquistato nel 1851 dal conte Zaccaria David Ottolenghi fu venduto al Comune di Asti alla sua morte e, da allora, è diventato sede di numerosi enti e associazioni locali. Ad oggi al suo interno si trova il Museo del Risorgimento, oltre al salone d’onore che custodisce opere storiche e dipinti.

 

Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 350, 14100 Asti
Sito internet

 

Museo Paleontologico

Museo Paleontologico Asti
Situato all’interno del Palazzo del Michelerio, in origine un monastero risalente alla seconda metà del XVI secolo. Noto per essere il Museo dei Fossili con un allestimento che descrive i più importanti eventi geo-paleontologici degli ultimi 25 milioni di anni. In particolare il museo pone l’attenzione sui principali organismi, soprattutto molluschi, che caratterizzavano gli ambienti passati i cui reperti sono resti scheletrici fossili di cetacei astigiani e delfini. Un tempo infatti la Pianura Padana era tutta occupata dal mare (tra i 5 e 1,8 milioni di anni fa.). Un luogo ideale anche per una visita con i più piccoli.

 

Indirizzo: Palazzo del Michelerio, Corso Vittorio Alfieri, 381
Sito internet

 

Battistero di San Pietro

Battistero San Pietro Asti

Il complesso è composto da tre edifici: la chiesa risalente al ‘400, il Chiostro e la Rotonda; la vicina Casa Priorale. La Chiesa Rotonda originariamente era intitolata al Santo Sepolcro ed è una costruzione tipica del Monferrato, in mattoni e arenaria, i cui fregi in pietra risalgono al XII secolo. Sono inoltre presenti ricchi fregi in terracotta alle doppie cornici delle finestre, oltre a varie raffigurazioni che rappresentano il punto più alto raggiunto dalla lavorazione della terracotta in città nel XIV secolo.

 

Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 2, 14100 Asti
Sito internet

 

Duomo di Asti

Duomo Asti Cattedrale
Il Duomo è anche noto come la Cattedrale di Santa Maria Assunta, ed è il risultato di tre ricostruzioni avvenute in seicento anni circa. L’edificio è realizzato in cotto e tufo con mattoni alternati alle pietre arenarie. Il campanile, originariamente a sette piani, conta ora sei piani e risale alla metà del 1200. Al suo interno sono custoditi due organi antichi, oltre a due acquasantiere, in origini vasche battesimali di pregio storico.

 

Indirizzo: Piazza Cattedrale, 14100 Asti

 

Torre Troiana

Torre troiana asti
Chiamata anche Torre dell’Orologio, la Torre Troiana è uno dei simboli della città di Asti ed è situata accanto al Palazzo Ducale nel Rione San Secondo. L’edificio fa parte del circuito “Castelli aperti” del Piemonte. Costruita nel XIII come punto nevralgico della città, la torre offre una vista panoramica su Asti davvero scenografica. Fu di proprietà dei Troya, nobile famiglia dell’epoca, fino alla loro estinzione avvenuta nel Quattrocento. Passata in mano al Duca di Savoia Emanuele Filiberto nel tardo 1500, la torre fu adibita alla sua classica funzione, ovvero battere le ore. La campana, presente sulla cima, è stata completamente restaurata ed è considerata una delle più antiche di tutto il Piemonte.

 

Indirizzo: Piazza S. Secondo, 1, 14100 Asti
Sito internet

 

Torre Comentina

Torre Comentina Asti
Situata in Piazza Roma, la Torre Comentina è una delle sole due torri (insieme a quella dell’Orologio) arrivata intatta fino ai giorni nsotri. Raggiunge quasi i 40 metri ed è sicuramente tra le torri più alte in Piemonte. L’edificio è parte della struttura di palazzo de Medici, noto anche come “il castello di piazza Roma”, realizzato verso la fine dell’800 per volere di Luigi De Medici. Il nome pare derivi dalla famiglia Comentina, a cui viene attribuita l’opera. Da ricordare che sotto l’imponente torre sorge il Monumento all’Unità d’Italia, eretto per il cinquantesimo anniversario dello Statuto Albertino nel 1898.

 

Indirizzo: Piazza Roma, 10/13, 14100 Asti

 

Cripta e Museo di Sant’Atanasio

Cripta Sant'Anastasio Asti
La Cripta di Sant’Atanasio si trova a poca distanza dal Duomo, nel cuore della città, ed è considerato uno dei luoghi più suggestivi per catapultarsi nella storia antica di Asti. Un vero gioiello dove ancora oggi si possono vedere i resti della chiesa romanica dedicata al santo. Costruita dopo il 1000 d.C., la chiesa era dotata anche di un campanile quadrato, di cui rimangono oggi solo le fondazioni. Un’intera sala del museo è dedicata all’esposizione di vari reperti in pietra che provengono da alcuni dei palazzi nobiliari della città. Stemmi delle famiglie nobili, decorazioni architettoniche oltre al frammento di fontana a più teste.

 

Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 365, 14100 Asti
Sito internet

 

Torre Rossa

Torre Rossa Asti
Si narra che l’antica Torre Rossa sia stata l’ultima prigione del Santo Patrono della città di Asti. L’edificio, chiamato anche Torre di San Secondo, era probabilmente in origine una delle due torri della porta d’ingresso delle mura cittadine. Successivamente divenne un campanile. Oggi è il campanile della chiesa di santa Caterina d’Alessandria.

 

Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 424, 14100 Asti

 

Collegiata di San Secondo

collegiata san secondo asti
È una delle chiese gotiche più antiche di Asti che prende il nome dal patrono della città. Il documento più antico in cui viene menzionata la chiesa di San Secondo è datato 1° agosto 880, ma per il resto è difficoltoso recuperare informazioni precise sulla sua storia. Nel 1920, oltre ad alcuni lavori di risanamento della facciata venne rimosso l’antico pavimento sostituito da mattonelle rosse presenti ancora oggi. Numerosi gli interventi di restauro tra la fine degli anni ’60 e ’70 durante i quali è stata rimossa la decorazione ottocentesca e recuperato alcuni affreschi risalenti al XIV e XVII secolo.

 

Indirizzo: Piazza S. Secondo, 14100 Asti

 

Teatro Alfieri

Teatro Alfieri Asti
Il Teatro Alfieri è il teatro più importante della città di Asti. Fu fondato nel 1860 e dal 1940 è di proprietà della città. Dal 1979 al 2022, il teatro è stato oggetto di lunghi e importanti lavori di ristrutturazione che hanno permesso di recuperare il progetto originale. Situato nella parte storica della città, nelle immediate adiacenze del Palazzo civico, il teatro ha in cartellone durante tutto l’anno, tante importanti manifestazioni e rappresentazioni teatrali, musicali e liriche. Potete acquistare i biglietti per gli spettacoli al Teatro Alfieri qui.

 

Indirizzo: Via Leon Grandi, 16 – 14100 Asti

 

Cosa mangiare ad Asti

cosa mangiare asti
Impossibile parlare di questa parte del Piemonte senza parlare anche di enogastronomia. Numerosi sono infatti i ristoranti, gli agriturismo e le gastronomie dove trovare alcuni dei piatti tipici di questa zona: i tajarin, gli agnolotti del plin, l’arrosto, la carne cruda, il vitello tonnato, i dolci con la nocciola IGP del Piemonte e tanto altro ancora. Tra i vari posti ad Asti e dintorni vi consigliamo l’Agriturismo Tre Colline in Langa (SP25, 157, 14051 Bubbio – Asti) per un pranzo a base di piatti della tradizione e il Mercato/Enoteca Campagna Amica dove acquistare carne, formaggi, frutta, verdura, vini, prodotti di gastronomia e altre specialità delle aziende agricole del territorio (Corso Alessandria, 271 – Asti).

 

Potrebbe interessarvi:

 

Segui Guida Torino su Instaram
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Scrivici: ContattiPubblicità

X