Il Castello di Fénis in Valle d’Aosta: la scenografica dimora medievale tra le più belle d’Italia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)

Il Castello di Fénis (Ap), con il suo trionfo di torri e la sua bellissima cinta muraria merlata, è uno dei più famosi castelli della Valle d’Aosta. Situato nell’omonimo comune di Fénis, il castello si trova in una posizione inusuale per una fortezza edificata a scopo bellico e di protezione. La costruzione non si trova infatti sulla sommità di un promontorio, ma su un lieve poggio privo di difese naturali. Quasi sicuramente la funzione primaria del castello non era quella difensiva, ma piuttosto di prestigiosa e fastosa sede amministrativa della famiglia Challant-Fénis, nobile casata valdostana che dotò la dimora di un imponente apparato difensivo, ma anche di eleganti decorazioni pittoriche, simboli di potenza e di prestigio.

 

Le prime testimonianze dell’esistenza del castello si trovano in un documento del 1242, nel quale viene indicato un castrum Fenitii quale proprietà del visconte di Aosta Gotofredo di Challant e dei suoi fratelli. Molto probabilmente all’epoca il castello comprendeva solamente la torre colombaia sul lato sud e la torre quadrata, un corpo abitativo centrale e un’unica cinta muraria. L’architettura del castello di Fénis ha difatti subito nel corso del tempo numerose modifiche: le torri e le mura merlate furono aggiunte al torrione preesistente verso la metà del 1300 da Aimone di Challant.

 

Oggi il Castello di Fénis è una delle dimore nobiliari medievali meglio conservate d’Italia, ma non è stato sempre così. La grandiosa dimora fu di proprietà dei signori di Challant del ramo di Fénis fino al 1716, quando fu ceduta poi al conte Baldassarre Castellar di Saluzzo Paesana. Le vicende storiche di questa famiglia portarono a un lento e graduale degrado del grande castello che fu poi abbandonato e trasformato in un’abitazione rurale: le sale del pianterreno furono adibite a stalle, mentre il primo piano fu trasformato in un fienile.

 

Il recupero di questo importante edificio storico è da attribuire a Alfredo d’Andrade, architetto, archeologo e pittore portoghese naturalizzato italiano, che acquistò il castello di Fénis nel 1895 e, dopo averne restaurato le parti più rovinate, ne fece dono allo Stato italiano. Oggi l’edificio è di proprietà della Regione autonoma della Valle d’Aosta.

 


Foto Credits

 

Il castello è ben conservato e gli interni sono ricchi di affreschi. La dimora ha pianta pentagonale e la costruzione principale è arricchita da cinque torri, tre a pianta rotonda e due a pianta quadrata. Sulla cima delle torri è possibile ammirare alcune maschere aventi funzione apotropaica, ovvero oggetti atti a proteggere il castello dagli influssi maligni.

 

Si accede alla struttura attraverso una torre quadrata che aveva una saracinesca utilizzata per sbarrare l’androne in caso di pericolo. Al pianterreno potrete ammirare la sala d’armi, il refettorio per soldati e servitori, la dispensa e la cucina dotata di un gigantesco camino.

 

Al primo piano invece si trova una cappella con l’annessa sala di rappresentanza, la camera domini, la cucina nobile, la sala da pranzo dei signori e la sala di giustizia.

 

Il percorso di visita del Castello di Fénis si conclude nel cortile interno dove si trova lo scalone semicircolare sovrastato dal famoso affresco raffigurante San Giorgio che uccide il drago. Alzando gli occhi potrete poi ammirare, al piano superiore, le balconate in legno decorate da un gruppo di affreschi rappresentanti dei saggi e dei profeti con proverbi e sentenze morali scritti in antico francese. Infine, la parete orientale è decorata dai dipinti dell’Annunciazione e di San Cristoforo, attribuiti a un pittore vicino alla scuola di Jaquerio e presumibilmente realizzati tra il 1425 e il 1430.

 

Il Castello di Fénis è una delle più importanti attrazioni della Valle d’Aosta e ogni anno viene visitato da oltre 80.000 persone. Una piccola curiosità legata a questo castello: nel 1985 proprio qui sono stati girati gli esterni del film “Fracchia contro Dracula” di Neri Parenti con Paolo Villaggio.

 

Se state pensando a una gita fuori porta da Torino da fare in giornata, non perdete questo maniero che si trova a poco più di un’ora d’auto dal capoluogo piemontese.

 

Informazioni Pratiche

 

Indirizzo:
Castello di Fénis – 11020 Fénis (Aosta)

 

Orari:
Da aprile a settembre:
dalle 9.00 alle 19.00, tutti i giorni

 

Da ottobre 2018 a marzo 2019:
dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00

 

Chiuso il lunedì, tranne il 31 dicembre
(Ingresso accompagnato – L’ultima visita viene effettuata 30 minuti prima della chiusura)

 

Tariffe:
Intero: € 7,00
Ridotto: € 5,00 (comitive di almeno 25 persone paganti, studenti universitari, convenzioni specifiche)
Ridotto minori: € 2,00 (ragazzi di età compresa fra 6 e 18 anni, scolaresche)
Gratuito: bambini fino a 6 anni non compiuti; soggetti portatori di handicap in possesso della certificazione di cui alla legge 104/92 e loro accompagnatori; insegnanti e accompagnatori di scolaresche, in proporzione di 1 ogni 10 alunni; possibilità di acquistare abbonamenti per la visita di diversi siti direttamente presso la biglietteria del castello.

 

Prezzi e orari sono soggetti a variazioni. Si consiglia di verificarli contattando il numero telefonico (+39) 0165 764263.

Ti potrebbero interessare:

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< ottobre 2018 >>
lmmgvsd
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X