Le 13 perle del Piemonte elette tra i “Borghi più belli d’Italia”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 78 . Media: 3,71 su 5)
Le 13 perle del Piemonte elette tra i “Borghi più belli d’Italia”

Cosa fare il week-end a Torino? Se non avete voglia di passare un altro fine settimana in città, ma volete trovare un po’ di relax lontano dalla frenesia potreste optare per una gita fuori porta. Dove? Ma in uno dei borghi più belli della penisola, perché ben 11 di questi si trovano proprio in Piemonte.

 

I “Borghi più belli d’Italia”, un’associazione impegnata nella valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale, ambientale e folkloristico del territorio, stila ogni anno una lista dei più bei centri abitati italiani. Per essere inseriti in questa speciale guida bisogna fare richiesta di inserimento e rispondere ad alcuni criteri di spiccato valore artistico e storico: armonia architettonica del tessuto urbano, qualità del patrimonio edilizio pubblico e privato, vivibilità del borgo e servizi messi a disposizione dei cittadini. Il fatto di essere accettati una volta nella guida non garantisce la permanenza perenne se gli standard non vengono mantenuti alti.

 

La regione Piemonte, con il suo alto patrimonio artistico-culturale, rientra in questa speciale classifica delle piccole perle d’Italia con ben 13 borghi:

 

Orta San Giulio

orta-san-giulio
Foto di Luca Casartelli
Un piccolo comune di Orta San Giulio si affaccia sul Lago di Orta e comprende anche uno splendido isolotto in mezzo al lago stesso. Il centro del paese è pieno di piccole viuzze e scorci caratteristici. Al centro c’è inoltre la bellissima Piazza Motta, affacciata sul lago e circondata da splendidi edifici storici porticati tra cui il Palazzo della Comunità della Riviera di San Giulio risalente alla fine del XVI secolo.

 

Usseaux

usseaux
Foto di F Ceragioli
Un delizioso borgo di appena 191 abitanti che si trova nella città metropolitana di Torino. Il territorio comunale è interessato dal Parco naturale Orsiera – Rocciavrè e dal Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand. Usseaux ospita alcuni edifici, per la maggior parte ristrutturati, che risalgono al 1700, come ad esempio il forno, il lavatoio ed il mulino.

 

Ostana


Foto di Silvia Pasquetto
Uno dei comuni più piccoli che conta solo 74 residenti e che si trova in provincia di Cuneo, nella Valle Po. Il territorio di Ostana offre un gran numero di itinerari accessibili a tutti, ottimi per un turismo slow a piedi o in bicicletta in completa immersione nella natura e nelle montagna.

 

Neive

neive
Sempre nel territorio di Cuneo, un borgo dalla ricca storia medievale che si può ammirare girando per le sue incantevoli viuzze. Il cuore del borgo è rappresentato da Piazza Italia, un delizioso salotto settecentesco. Il comune piemontese è anche rinomato per la sua ampia produzione di grandi vini D.O.C e D.O.C.G ottenute dai vigneti delle colline circostanti.

 

Garessio

garessio
Foto Credits
Ancora in provincia di Cuneo si trova un borgo che non è solo tra quelli più belli d’Italia, ma anche tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione. Il piccolo comune piemontese è il punto di partenza ideale per decine di sentieri che solcano le Alpi Marittime. Tra questi il “percorso rosso” che da Garessio arriva al Castello di Casotto e il “percorso blu” che da Garessio porta fino a Ceriale.

 

Vogogna

vogogna
Foto di Alessandro Vecchi
Nella provincia di Verbano-Cusio-Ossola si trova questo borgo la cui storia risale ai tempi dei Romani. Tra i monumenti di interesse ci sono: il Castello Visconteo, la Rocca e Palazzo Pretorio

 

Chianale

chianale
Foto di Luca Bergamasco
Il piccolo borgo è una frazione di Pontechianale in provincia di Cuneo a 1800 metri d’altezza, vicino al confine con la Francia. In inverno il posto ideale per le scalate alle cascate di ghiaccio e sci nordico. Nella bella stagione invece per pesca nel torrente Varaita; la canoa e windsurf sul lago di Pontechianale; le escursioni e ascensioni nel gruppo del Monviso e ovviamente le bellissime passeggiate nella natura.

 

Ricetto di Candelo


Foto di Mostacchi.angelo
Ancora una frazione, questa volta del comune di Candelo, in provincia di Biella. Il ricetto di Candelo è una architettura di epoca medievale di Candelo. Si tratta della zona più “protetta” del paese, una struttura fortificata dove si conservavano i beni (foraggi, vini, etc.) del signore locale o della popolazione e dove, in caso di attacchi esterni, le persone potevano trovare riparo protetto.

 

Mombaldone

mondalbone
Foto di Thibault
Poco più di 200 abitanti per questo comune nell’astigiano bagnato dalla Bormida di Spigno. Tra le attività che qui si possono fare ci sono la mountain bike, trekking, escursioni e passeggiate nella Langa Astigiana, canoa sul fiume Bormida e poi un particolare sport tipico del posto, la palla a pugno.

 

Volpedo

volpedo
Foto di Vilnius
Il paese, in provincia di Alessandria, che ha dato i natati al grande pittore Giuseppe Pellizza da Volpedo. Il principale monumento del paese è la pieve romanica, già citata in documenti del X secolo, rimaneggiata nel XV secolo, al cui interno potrete ammirare alcuni pregevoli affreschi.

 

Garbagna

garbagna
Foto di Fantonk
Il piccolo centro abitato di appena 721 abitanti situato nella provincia di Alessandria. Tra i suoi piatti tipici c’è la torta di riso, una pietanza preparata con ingredienti semplici (sfoglia fatta in casa, latte e riso) e realizzata il terzo venerdì di maggio, per festeggiare la Madonna del Lago.

 

Cella Monte


Foto di Davide Papalini
In provincia di Alessandria c’è Cella Monte (Sela in piemontese) che conta appena 505 abitanti e che è stato recentemente inserito nella lista dei Borghi più Belli d’Italia. Tra gli edifici di valore ci sono: il Castello, trasformato in abitazione signorile dalla famiglia Ardizzoni nel XVII secolo; Palazzo Radicati; la Chiesa di S. Quirico e l’Oratorio di Sant’Antonio.

 

Monforte d’Alba


Foto di Andrea Marchisio Frukko
Monforte d’Alba (Monfòrt in piemontese), situato in provincia di Cuneo, fa parte degli 11 comuni di produzione del Barolo. Nella sua parte storica, nel 1986 fu inaugurato dal famoso pianista Mieczysław Horszowski un anfiteatro naturale dall’acustica perfetta ricavato dalla pendenza morfologica naturale del terreno.

 

Queste piccole bellezze ricche di storia, arte, cultura e tradizioni rappresentano altri undici motivi per visitare il Piemonte, una meravigliosa terra tutta da scoprire. Per scovare nuovi tesori non occorre andare dall’altra parte del mondo, alcuni sono dietro l’angolo… basta saperlo!

 

Per scoprire le altre bellezze del Piemonte date un’occhiata alla nostra sezione Dintorni di Torino.

Ti potrebbero interessare:

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< Novembre 2019 >>
lmmgvsd
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1

Scrivici: ContattiPubblicità

Segui GuidaTorino

X