Coronavirus: nuove misure e limitazioni per la Fase 2 dell'emergenza

Torino: orari dei parchi regolamentati per la Fase 2

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 6 . Media: 3,00 su 5)
Torino: orari dei parchi regolamentati per la Fase 2

Dal 4 maggio, con l’inizio della cosiddetta Fase 2 dell’emergenza Coronavirus in Italia, è nuovamente possibile praticare l’attività motoria e dunque tornare a passeggiare più lontano dalla propria abitazione. Per questo motivo, dallo scorso lunedì il Comune di Torino ha deciso di riaprire i parchi pubblici cittadini e le aree verdi per consentire ai torinesi di tornare a passeggiare e svolgere attività sportiva all’aperto, con le dovute cautele e regole di distanziamento sociale imposte dalla situazione.

 

A tal proposito, ieri da Palazzo Civico è giunta la decisione di regolamentare gli orari di apertura dei parchi e delle aree verdi cittadine. La nuova ordinanza, che entrerà in vigore da giovedì 7 maggio, prevede la possibilità per i cittadini di utilizzare gli spazi verdi dalle 6.00 alle 23.00.

 

Il decreto del Governo – ha spiegato l’assessore all’Ambiente, Alberto Unia – ha previsto la riapertura di parchi e giardini per passeggiate e attività fisica individuale, per questo riteniamo che una regolamentazione oraria vada proprio nella direzione indicata dal Dpcm“.

 

I parchi non saranno chiusi fisicamente, ma con ordinanza che prevede per i trasgressori una sanzione amministrativa che può andare dai 400 ai 3 mila euro.

 

Al contrario del Presidente della Regione Cirio che nei giorni scorsi ha detto di aver visto “troppa gente in giro“, l’amministrazione comunale ritiene che la situazione sia sotto controllo. “In questi primi giorni ci sono stati molti controlli ed è emersa una situazione sotto controllo, in linea di massima c’è stato il rispetto delle distanze e non ci sono stati assembramenti“, ha detto ancora l’assessore Unia che ha invece identificato l’unico problema dei giorni scorsi nell’utilizzo delle aree gioco per bimbi nonostante siano ancora attualmente chiuse. “Già oggi abbiamo iniziato a fare il giro per rimettere nastri e cartelli dove sono stati strappati“, ha affermato l’assessore.

Pubblicato il 7 Maggio 2020
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Scrivici: ContattiPubblicità

Segui GuidaTorino

X