Coronavirus: nuove misure e limitazioni per Torino e il Piemonte (info e aggiornamenti)

Troppe persone ancora in giro. Controlli più rigidi. A Torino casi triplicati

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)
Troppe persone ancora in giro. Controlli più rigidi. A Torino casi triplicati

Troppe persone ancora in giro nonostante le norme e le raccomandazioni per cercare contenere l’emergenza Coronavirus in Italia. Per cercare di far fronte a questo problema, il Ministero dell’Interno ha deciso di intensificare i controlli per far rispettare le norme stabilite dal Governo per l’emergenza Coronavirus.

 

Nella giornata di ieri, le Forze di polizia hanno aumentato i controlli. Dal Viminale fanno sapere che sono state controllate 172.720 persone e 7.890 sono state denunciate. Gli esercizi commerciali controllati sono stati 97.551, denunciati 217 esercenti e sospesa l’attività di 22 esercizi commerciali. Salgono così a 838.200 le persone controllate dall’11 al 16 marzo 2020, 35.506 quelle denunciate ex articolo 650 C. P., 722 le denunce ex articolo 495 C. P., 415.502 gli esercizi commerciali controllati e 1.319 i titolari denunciati.

 

Sempre nella giornata di ieri il prefetto di Milano, Renato Saccone, in un’intervista rilasciata al Tg Rai 3 Lombardia, ha chiesto più rigore “ridurre le presenze nei parchi. Ci sono ancora troppi che corrono, troppe persone che interpretano in vario modo il loro diritto di passeggiare e di portare i cani a spasso. Questo non va bene.”

 

Insomma, da Nord a Sud della penisola ci sono ancora troppe persone che non rispettano le norme stabilite per cercare di limitare i contagi da Covid-19.

 

Da ieri il Viminale ha anche predisposto un nuovo modello di autodichiarazioni in caso di spostamenti che contiene una nuova voce con la quale l’interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’art. 1, comma 1, lett. c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020 che reca un divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus “COVID-19”. In questo caso, chiunque attesti il falso è passibile di denuncia e in alcuni casi rischia anche arrestato per attentato alla salute pubblica, così come previsto nell’articolo 452 del codice penale che impartisce una pena fino a 12 anni di carcere.

 

A Torino contagi triplicati da sabato. Intanto a Torino e nel resto del Piemonte i numeri non sono ottimistici. Dall’inizio dell’epidemia, nella sola regione Piemonte ci sono stati 144 decessi e, a ieri, sono 2.063 le persone risultate positive al Coronavirus. Nella città metropolitana di Torino sono state accertate 904 persone positive al Covid-19 contro le 305 registrate sabato scorso. I contagiati sono dunque triplicati in soli tre giorni.

 

Ricordiamo che per contenere il contagio è necessario rimanere in casa e limitare le uscite ai casi di assoluta necessità come fare la spesa (una persona per nucleo familiare e non tutti i giorni), andare in farmacia, recarsi dal medico per urgenze.

Pubblicato il 18 Marzo 2020
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Scrivici: ContattiPubblicità

Segui GuidaTorino

X