Il Lago di Malciaussia: un angolo incantato vicino Torino

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 21 . Media: 4,52 su 5)

Il territorio montano in provincia di Torino nasconde veri e propri angoli di paradiso. Bastano pochi chilometri per trovarsi lontani anni luce dal frastuono e dallo stress cittadino ritrovandosi in cima alle montagne, a respirare l’aria e la bellezza della natura. Tra i vari luoghi visitabili nei dintorni di Torino, c’è il Lago di Malciaussia, uno specchio d’acqua artificiale situato a 1.805 m di altezza nelle Valli di Lanzo. Più precisamente, il lago si trova nella Valle di Viù, nella frazione di Malciaussia del comune di Usseglio.

 

Il Lago di Malciaussia nacque con la costruzione della diga negli anni ’20-’30 del Novecento, in seguito alla quale la frazione Malciaussia fu sommersa. Il curioso nome del lago deriva dal dialetto locale patois o dall’Arpitano “mal ciaussia“, che tradotto in italiano significa “mal calzati”, riferendosi molto probabilmente alla scarsa qualità delle calzature anticamente portate dai locali o dai magari, ovvero le persone che si occupano del bestiame sui pascoli.

 

Incastonato in un incantevole e tipico panorama alpino, da qui si può ammirare il Monte Lera, il Rocciamelone e il Colle dell’Autaret che, con il sole, si specchiano nelle acque del lago. A completare il quadro idilliaco le aquile che volano su nel cielo, le marmotte che si possono incontrare per strada e gli stambecchi nel loro ambiente.

 


Foto Credits

 

Sulle sponde del lago, dietro la casa dei dipendenti Enel, si trova oggi la Chiesa di San Bernardo. Ristrutturata di recente, la piccola chiesa custodisce numerosi ex-voto, testimonianze della devozione dei popoli locali. L’edificio religioso fu costruito successivamente alla creazione della diga per rimpiazzare la vecchia chiesetta di San Bernardo che fu sommersa insieme al resto della frazione. Leggenda narra che a volte, nei pressi del lago, si senta il rintocco della campana della vecchia chiesetta, interpretato dai locali come segno di sventura.

 

Il lago è il luogo di partenza di numerose escursioni che si possono effettuare sia in inverno con le ciaspole (solo da Margone a Malciaussia lungo la strada provinciale) sia durante il periodo estivo attraversando i panoramici sentieri che conducono in quota.

 

Intorno al lago ci sono inoltre tavoli, postazioni barbecue, bagni gratuiti e un bar/hotel/tavola calda e si può anche campeggiare in tenda.

 

La località si può raggiungere in auto tramite la SP32 soltanto nel periodo estivo (da inizio giugno a metà ottobre circa) attraverso una strada panoramica, ma ripida. Durante il resto dell’anno la strada da Margone per sicurezza. Quando la strada è chiusa si può raggiungere il lago a piedi o con le ciaspole quando c’è presenza di neve molle per la strada. In primavera, quando la neve inizia a sciogliersi, bisogna fare molta attenzione alle possibili slavine o valanghe.

 

Sul bordo del lago si trova il Rifugio Vulpot, luogo di tappa per coloro che camminano seguendo il sentiero GTA (Grande Traversata delle Alpi). L’edificio dove è ospitato il rifugio fu costruito intorno al 1930 come caserma della Guardia alla Frontiera di stanza nell’ultima frazione della Valle di Viù. Successivamente il rifugio fu da in gestione alla guida alpina Domenico Ferro Famil (chiamato Bertu Vulpot) che, con la sua famiglia, lo gestì fino al 2003. Dopo un anno di chiusura, nel 2005 il Rifugio Vulpot è stato riaperto dalla famiglia Furlan, che lo ha attualmente in gestione.

Ti potrebbero interessare:

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< dicembre 2018 >>
lmmgvsd
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X