Cascate in Piemonte: i 10 salti d’acqua più belli da scoprire

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 2 . Media: 4,50 su 5)

Il Piemonte è ricco di paesaggi naturalistici di grande bellezza da visitare: dalle montagne ai suoi laghi, dalle vette dell’iconico Monviso ai parchi e fiumi che regalano scenari incredibili. Tra questi possiamo annoverare sicuramente anche le cascate del Piemonte, luoghi magici da scoprire durante un’avventura all’aria aperta nel territorio di questa splendida regione, che stupisce con scorci unici e alcune delle cascate più belle d’Italia. Pronti a scoprirle insieme?

 

Ecco allora le 10 cascate più belle del Piemonte dove vedere, perfette per una gita fuori porta nella natura.

 

Le 10 cascate più belle del Piemonte

 

Cascata del Toce

Cascata Toce Piemonte
© Shutterstock.com
Questa è sicuramente la cascata più famosa del Piemonte, situata in Val Formazza, nel Verbano Cusio Ossola, ed è considerata la più bella di tutte le Alpi, con i suoi 140 metri di altezza circa. Situata a 1675 metri sul livello del mare, la Cascata del Toce è la seconda cascata più alta d’Europa. Prima di recarsi in visita, ricordate che la cascata è visibile nella sua maestosità solo per brevi periodi l’anno. Questo perché la sua forza viene sfruttata per la produzione di energia e le sue acque raccolte nel bacino artificiale di Morasco prima di raggiungere la centrale idroelettrica di Ponte. Vicino alla sommità si trova una piccola chiesa costruita all’inizio del 1600, la Chiesa della Madonna della neve, e un piccolo ponticello in legno ideale dove ammirare il panorama circostante.

 

Indirizzo: Località Frua, 28863 Formazza VB

 

Cascata di Fondo


Situata in Valchiusella nel comune di Fondo, in provincia di Torino, la Cascata di Fondo è luogo ideale dove rifugiarsi nelle giornate afose d’estate per un bagno nell’acqua trasparente circondati dalla natura. La cascata è sormontata da un ponte antico in pietra, tipico di montagna, ed è punto di partenza per numerosi trekking esplorativi in Valchiusella, oltre a essere meta prediletta per i torinesi che vogliono allontanarsi dalla città e immergersi in un panorama suggestivo tra natura e pascoli di montagna. Il sentiero per raggiungere la cascata di Fondo e Tallorno parte sulla sinistra del bar, oltre il ponte e costeggia il fiume su una stradina in pietra ben visibile e la passeggiata non è molto impegnativa.

 

Indirizzo: Frazione Fondo – 10080 Traversella (Torino)

 

Cascata di Noasca

La cascata di Noasca, o della Noaschetta (dal nome del torrente che la forma) si trova all’interno del confine meridionale del Parco nazionale del Gran Paradiso. Alta poco più di trenta metri, è tra le cascate più famose e turistiche del Piemonte, anche perché ha una relativa facilità di accesso. Secondo i geologi il salto d’acqua si è formato nel periodo che seguì l’ultima glaciazione alpina, ovvero circa dodicimila anni fa. Il sentiero per raggiungere il salto d’acqua parte dal paesino di Noasca, dalla Chiesa. Si può raggiungere la caverna che si apre proprio dietro la cascata, ma bisogna tenere a mente le condizioni meteo che possono rendere il passaggio difficoltoso. Dunque è bene affidarsi alle guardie forestali e prevedere una visita dalla primavera in avanti.

 

Indirizzo: Parco Nazionale Gran Paradiso, Strada Provinciale 460 di Ceresole, 73 – 10080 Noasca (TO)

 

Cascate di Novalesa

cascate Novalesa
Foto di Cruccone
Le cascate di Novalesa prendono il nome dall’omonima cittadina della Val di Susa. Sono altissime e davvero spettacolari: tra i tanti salti d’acqua, due sono i più famosi e ideali da visitare, situati a pochi minuti di cammino dal centro di Novalesa. Si tratta della cascata del rio Claretto e quella del Torrente Mardarello, entrambe con acque trasparenti che in primavera danno il meglio di sé. Da citare anche la cascata Coda di Cavallo, visibile solo in alcuni periodi dell’anno e situata nei pressi dell’Abbazia benedettina di Novalesa, fondata nel 726.

 

Indirizzo: 10050 Novalesa (TO)

 

Cascata di Ovarda

Tra le cascate più suggestive del Piemonte, è da citare la cascata di Ovarda in provincia di Torino. Si forma dalle acque dei rii Ru e Ovarda e si può visitare percorrendo l’anello storico di Lemie, in Val di Viù. Il sentiero per raggiungerla è semplice, dal posteggio auto la camminata in sicurezza è di circa dieci minuti, ma è suggestivo l’intero percorso ad anello che attraversa borgate, paesaggi immersi nella natura suggestivi per una passeggiata davvero rigenerante.

 

Indirizzo: 10070 Lemie (TO)

 

Cascata della Gorgia di Mondrone

cascata gorgia mondrone
Foto di italo losero
La cascata più affascinante del fiume Stura è situata in Val d’Ala, in frazione Mondrone di Ala di Stura, in provincia di Torino. Il sentiero per raggiungerla è piuttosto semplice: attraverso un percorso segnato nel bosco si arriva sul ponte da cui si ammira la cascata e la piscina naturale nella quale si getta l’acqua. Nei pressi della cascata è visibile un antico mulino e alcune costruzioni usate per refrigerare il latte, mentre alla base del salto delle acque del torrente è ancora in esercizio una piccola centrale elettrica inaugurata agli inizi del ‘900.

 

Indirizzo: Frazione Martassina, 1 -10070 Ala di Stura (TO)

 

La cascata Sajont

Situata in Valle Antrona, una delle zone più ricche di laghi e cascate della regione, le acque della cascata Sajont si tuffano nel lago di Antrona, un laghetto di montagna a oltre 1000 metri di quota. La cascata si raggiunge seguendo un sentiero panoramico che sale fino ai piedi e grazie a un sistema di passerelle, si può passare dietro al getto e ammirare lo spettacolo maestoso che regala la cascata. Luogo suggestivo ideale nelle giornate più calde per una completa immersione nella natura.

 

Indirizzo: 28841 Antrona Schieranco (VB)

 

Goja del Pis

goja del pis
Il sentiero della Goja del Pis si trova a pochi chilometri da Torino, nel comune di Almese. Qui il fiume Messa ha scavato nella roccia diversi laghetti e goje, pozze in piemontese, e in uno di questi laghi, precipita l’acqua della cascata, pis appunto, di circa quindici metri. Il laghetto si raggiunge attraverso un sentiero segnato e messo in sicurezza negli ultimi anni, percorrendo un’area immersi nella natura per poi arrivare in questa piscina naturale spettacolare.

 

Indirizzo: Almese (Torino)

 

Cascata del Roc

La Cascata del Roc si trova in Valle dell’Orco, nel comune di Noasca, che si supera per raggiungere il torrente a circa 1100 metri. Da qui si imbocca un sentiero indicato come “Circuito Sentiero Natura Borgate del Roc-Pianchetti” e si sale nel bosco fino a Balmarossa di Sopra. Da qui si sale e si raggiunge Potes, a oltre 1500 metri per ritrovarsi ai piedi della cascata. Attraversando il ponticello si raggiunge poi la cima dove è situata una chiesetta da cui ammirare il panorama sulla cascata del Roc. Il periodo ideale per la visita è la primavera in cui, se si è fortunati, si possono avvistare camosci e stambecchi e i loro cuccioli.

 

Indirizzo: 10080 Noasca (TO)

Segui Guida Torino su Instaram
Segui Guida Torino su Facebook
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Scrivici: ContattiPubblicità

X