Lago Serrù: una passeggiata panoramica tra marmotte, camosci e prati fioriti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)
Lago Serrù: una passeggiata panoramica tra marmotte, camosci e prati fioriti

In Valle dell’Orco, lungo la strada che da Ceresole Reale sale al meraviglioso Colle del Nivolet, a circa 2300 metri di altezza incontriamo il Lago Serrù, uno specchio d’acqua artificiale che fa parte del complesso di laghi artificiali (lago Agnel, lago Serrù, lago di Ceresole, lago di Teleccio, lago d’Eugio e lago di Valsoera) e che alimentano diverse centrali idroelettriche.

 

Il lago Serrù è il primo di auesti specchi d’acqua artificiali che si incontra lungo la strada. Al contrario del vicino Lago Agnel a cui, la sua acqua filtrata, conferisce un colore blu intenso, la colorazione del Serrù è di un grigio-latteo derivante dal limo glaciale trascinato giù dai ghiacciai sovrastanti.

 

Una volta superata la diga del Serrù parcheggiate poco oltre il secondo tornante in una piazzola sulla sinistra e da lì iniziate la camminata sul sentiero che si innalza su di una costa erbosa e che costeggia la sponda del bacino artificiale.

 

La passeggiata al Lago Serrù rappresenta un meraviglioso percorso in quota al cospetto delle più alte cime dell’alta valle che confinano con la Vanoise, il parco naturale francese. Il sentiero che costeggia il Lago Serrù è per la maggior parte pianeggiante rendendo la passeggiata alla portata di tutti.

 

Costeggiando la conca glaciale del lago Serrù potrete ammirare un bellissimo ambiente alpino e avrete la possibilità di scorgere un po’ della fauna alpina d’alta quota: stambecchi, camosci e marmotte che vivono nelle vallate e che spesso si trovano anche ai bordi del lago a godersi il sole e aquile, pernici e gipeti che spesso sorvolano la zona. Nelle pozze e nelle torbiere vicino al lago si riproducono anche le rane temporarie, anfibi che si sono adattatati perfettamente all’ambiente d’alta quota. Ad incorniciare il tutto, tantissimi fiori che si trovano lungo il cammino e che rendono ancora più magico il paesaggio alpino circostante.

 

Continuando la camminata si arriva fino al rifugio Pian della Ballotta, un caratteristico nido d’aquila che gode di una splendida posizione panoramica.

 

Il Lago Serrù e il lago Agnel, seppure artificiali, sono perfettamente inseriti nel contesto alpino e offrono panorami bellissimi da ammirare e da fotografare in diversi periodi dell’anno.

Ti potrebbero interessare:

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino
Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Guida Torino

Calendario Eventi

<< dicembre 2018 >>
lmmgvsd
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Vuoi pubblicizzare la tua attività su GuidaTorino? Contattaci subito!
X